Manx

manx

STORIA

La scienza sostiene che questa razza nasce da una mutazione genetica avvenuta nell’isola di Man al largo del mare del nord. Il primo Manx fu presentato nel 1900 a un’esposizione inglese, ma come spesso accade, la fama arrivò solo dopo l’espatrio in America nel 1930. Qui infatti, ha trovato i giusti estimatori che sono voluti impegnare nell’evoluzione della razza. Una leggenda racconta che perse la coda mentre saliva sull’Arca di Noè per salvarsi dal diluvio universale. Il primo club della razza nacque nel 1901 in Inghilterra. Attualmente esistono due tipi di Manx: quello americano, dalla corporatura piuttosto corta, quadrata e tarchiata e quello inglese, più longilineo del precedente. Esiste anche il Manx a pelo semilungo chiamato Cymric.

COM’E’ FATTO

Il Manx è un gatto di taglia media, il corpo solido e compatto, termina con una groppa arrotondata mentre il dorso è inclinato in avanti in quanto l’altezza degli arti posteriori è superiore a quella degli anteriori. Particolare è la sua andatura, un pò ondeggiante e saltellante, tanto da venire paragonata a quella di un coniglio. La colonna vertebrale è diversa dagli altri felini, in quanto le vertebre sono più corte e accostate. La sua caratteristica principale è l’assoluta mancanza di coda, anche se molti esemplari ne conservano una traccia.

Taglia: media ( tra i 3,5 e i 5,5 kg ).

Testa: larga e rotonda. Le guance sono prominenti e il naso è di media larghezza, senza stop definito. Ha il collo corto e forte.

Orecchie: distanziate, aperte alla base e leggermente appuntite, sono di media grandezza e pelose all’interno.

Occhi: grandi, rotondi, brillanti e leggermente obliqui e possono essere di colore blu scuro, arancione o impari (cioè di colore diverso), rame, verde, a seconda del mantello, che a sua volta può avere disegni e colori diversi.

Zampe: quelle anteriori sono più corte di quelle posteriori. L’ossatura è massiccia e i piedi sono larghi e rotondi, con cuscinetti in tonalità del colore del mantello.

Coda: esistono in 4 varietà. Alle esposizioni possono partecipare solo i soggetti privi di coda (Rumpy). Le altre varietà sono utilizzati per la riproduzione negli allevamenti.

RUMPY: è il perfetto rappresentante della razza, è totalmente privo di coda e, nel punto in cui dovrebbe iniziare la coda, c’è un piccolo ma caratteristico avvallamento, a volte ricoperto da un ciuffetto di pelo.

RUMPY-RISER: possiede un piccolissimo troncone di coda, formato da una a tre vertebre sacrali.

LONGY o TAILED MANX: possiede una coda quasi intera, normale e arricciata.

STUMPY: il moncone di coda non supera i 3 centimetri e ha da 1 a 3 vertebre caudali.

Mantello: morbido, soffice e lucente, con sottopelo spesso e folto.

Colori: lo standard ammette una enorme quantità di colori, disegni e sfumature ( salvo quelli tipici di alcune razze come il Burmese, Abissino o Siamese). I colori possono essere:

UNICOLORI: totalmente nero, bianco, rosso, crema o blu , squama di tartaruga, blucrema senza strisce, macchie, sfumature o riflessi di altre tonalità.

SMOKE: solo una piccola parte del pelo è bianco-argento mentre il mantello ha le punte sfumate di color blu-ardesia.

CHINCHILLA: nel chinchilla il sottopelo è argento candido, con la punta del pelo colorata per circa 1/8 della sua lunghezza. Il mento, la zona dell’addome e i ciuffi delle orecchie sono candidi.

SILVER SHADED: ha una parte del pelo argento candido, ma nello stesso tempo un aspetto più scuro poichè la colorazione delle punte ricopre circa un terzo della lunghezza del pelo.

Vita media: può superare i 15 anni

CARATTERE

E’ un gatto intelligente, vivace e con ottimi riflessi, è un cacciatore nato. Allegro e giocherellone, è affettuoso con tutta la famiglia; non è timido verso gli estranei, anche se può essere grintosi con chi non gli piace. E’ un gatto molto casalingo: anche se ne ha la possibilità, esce all’aperto soltanto di rado. Non ha bisogno di molto spazio e si adatta senza difficoltà a ogni situazione. Resiste bene al freddo, ma comunque adora stare al caldo. Gradisce molto rincorrere gli oggetti e riportarli, proprio come un cane.

Lascia un commento